Mission Related Investment: coniugare redditività e impatto sociale

Carla Ferrari, CFO di Compagnia di San Paolo e Presidente di Equiter, ha partecipato al Forum sulle Fondazioni di origine bancaria organizzato a Torino dal 23 al 25 novembre da Mondo Institutional. Intervenendo alla tavola rotonda sugli investimenti legati alla missione, Carla Ferrari ha ricordato innanzitutto le due componenti del patrimonio della Compagnia: quella diversificata e quella strategica, all’interno della quale, oltre alla partecipazione in Intesa Sanpaolo, CDP e Banca d’Italia, sono compresi gli MRI, gli investimenti legati alla missione.

Fin dall’inizio degli anni 2000 la Compagnia di San Paolo ha destinato risorse agli investimenti a sostegno dello sviluppo locale e, in particolare, quelli che prevedevano la creazione di occupazione stabile nel tempo. La Compagnia di San Paolo nel Piano strategico 2017-2020 ha poi scelto di aumentare da 175 a 400 milioni l’ammontare delle risorse destinate ai mission related investments, consapevole dell’importanza di questa attività di investimento anche in una logica di possibile “ibridazione” con quella erogativa, come si potrebbe ipotizzare nei settori della cultura, della ricerca e dell’innovazione.

Carla Ferrari ha quindi ricordato che gli MRI devono quindi sempre essere valutati sulla base del binomio rischio-rendimento. A questo proposito – ha sottolineato – è necessario non sottovalutare mai il fattore liquidità, poiché gli MRI sono realizzati prevalentemente o mediante fondi o attraverso investimenti in infrastrutture. Bisogna quindi operare delle scelte affinché in fase di exit siano garantite sia la redddività che l’impatto sociale.

Carla Ferrari ha poi evidenziato che nel 2015 la Compagnia di San Paolo ha realizzato un’operazione di razionalizzazione dei propri investimenti collegati alla missione entrando a far parte di Equiter, società appartenente al gruppo Intesa San Paolo con un considerevole track-record quale investitore e advisor nel settore delle infrastrutture a sostegno delle economie locali. A partire dal 2015, con l’ingresso nel capitale sociale delle Compagnia di San Paolo e, nel giugno 2016, con l’ingresso nel capitale societario della Fondazione Crt, Equiter è divenuta una società dedicata allo sviluppo dei Mission Related Investment e dell’impact investment. Attraverso Equiter, l’investitore “consapevole e paziente Fondazione”, valuta un investimento affiancando ai classici criteri finanziari anche quelli riguardanti l’impatto sociale generato dagli stessi.

Infine Carla Ferrari ha ricordato che, oltre all’impegno in Equiter, la Compagnia di San Paolo dedicherà parte dei suoi MRI ai settori della cultura, della sanità, della ricerca e dell’innovazione.

Link
MondoInstitutional – Sito web
XXII Rapporto Acri – Scarica il rapporto
Piano Strategico CSP e impegno sui MRI – Vai all’articolo